.
Annunci online

fino12

TECNOLOGIE
10 settembre 2009
Sono confuso
Sono nuovo di questa piattaforma e devo confessare d'essere alquanto confuso.
L'aggiornamento dei nuovi post è veloce, forse anche troppo. Non si fa in tempo a essere letti. Difficile a questo punto creare scambi di opinioni con altri blogger.
Vengo dalla piattaforma LaStampa.it dove tutto funzionava più lentamente e quindi mi trovo a essere disorientato.
Ho notato che molti post si occupano di politica sia estera che interna. nessuno s ene abbia a male, però il blogger non è uno che imita il giornalista o fa a concorrenza a costui.
Sarebbe interessante discutere su ciò che oggi è un blogger dal momento che mi sembra che facebook e altri network hanno messo in crisi questa figura.
Mi va bene che i blog si occupino di libri, di viaggi. Il narcisismo esiste in ognuno di noi, però oltre a scrivere occorre anche essere letti e intereagire con altri.
Chissà se questo mio post sarà notato.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. blog blogger

permalink | inviato da fino12 il 10/9/2009 alle 12:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
VIAGGI
8 settembre 2009
Perché tornare?
Ogni volta che vado all'estero, non vorrei più tornare in Italia.
In Francia ho recentemente toccato con mano le differenze di civiltà che esistono tra noi e i nostri cugini francesi.
A Cannes e a Nizza ci sono tante ma tante spiagge libere. Non solo sono per tutti ma anche sono attrezzate con docce, spogliatoi, bagnini e servizio medico.
In Italia le spiagge libere? Meglio stendere un  velo pietoso.
La politica. In Francia la lotta politica è dura però non ha gli spetti comici e tragici che ci sono da noi. La Francia è uno stato centralizzato che funziona. In Italia non poteva essere così?
E' ovvio che la Francia ha una storia di stato unitario molto più lunga della nostra. In essa Parigi ha avuto un ruolo dominante.
Fatte queste importanti differenze, pensiamo che il federalismo sia la panacea di tutto? Ma mi faccia il piacere, avrebbe detto Totò.
Quando torno in Italia, ho sempre l'impressione d'essere reintrato in un piccolo pollaio.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. italia francia viaggi

permalink | inviato da fino12 il 8/9/2009 alle 14:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
diritti
2 settembre 2009
SkyEurope: un film già visto
SkyEurope è fallita. Poco tempo fa è fallita Myair, ancor aprima AlpiEagle e Volare Web.
Ogni volta sembra di assistere allo stesso film. Sui giornali cominciano circolare voci che la comnpagnia aerea in questione ha problemi. Le voci hanno fondamento però la compagnia continua a vendere biglietti fino al giorno prima del fallimento.
A rimetterci sono sempre i viaggiatori. Resteranno a terra e non avranno rimborsato il bliglietto.
Sentendo in tv i passeggeri che Sky aveva lasciato a terra a Bratislva, ho rivissuto ciò era toccato a me quattro anni fa a Praga quando fallì Volare Web.
Nessuna notizia da parte della compagnia, nessuna assistenza d aparte dell'ambasciata italiana, noi passeggeri lasciati in balìa di noi stessi.
Non si può andare avanti così. Perché si premette a certe compagnie di volare? Perché non ci sono regole che tutelino i viaggiatori quando accadono queste cose?
Forse c'è qualcosa da rivedere nei voli low cost.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. voli low cost

permalink | inviato da fino12 il 2/9/2009 alle 16:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
CULTURA
1 settembre 2009
Rosorgimento da buttare?

Qualche settimana fa Matteo Lazzaro, uno studente che si definisce leghista, ha scritto una lettera al Corsera in cui afferma di vergognarsi dell’Italia di ieri e di oggi.

Ernesto Galli della Loggia gli ha dato ragione sul presente, meno su passato. Concordo con Galli della Loggia e aggiungo qualche osservazione.

Scopo della Lega è di mettere in forte discussione il Risorgimento e quindi di negare le ragioni fondanti dello Stato unitario.

La Lega ha trovato terreno favorevole perché diversi storici, a proposito dell’Unità d’Italia, hanno parlato di “conquista regia” e di “piemontesizzazione” dell’Italia. Il brigantaggio, secondo costoro, è la prova delle loro affermazioni.

E’ indubbio che nel Sud il governo agì con il pugno di ferro, però una volta per tutte facciamo alcune considerazioni. Da chi erano finanziate e aiutate le bande dei briganti? Dagli agenti dei Borboni e del pontefice. Stato della Chiesa e Regno delle Due Sicilie erano i governi più reazionari dell’Italia preunitaria. Siamo sicuri che il ritorno dei Borboni avrebbe giovato al Sud? No.

La finiscano tanti meridionali che non fanno altro di parlare delle virtù di questa monarchia. Come avrebbe potuto uno stato arretrato basato sul latifondo reggere il confronto con Francia e Inghilterra?

Dal Regno delle due Sicilie dopo il 48 erano fuggiti le menti migliori perché non sopportavano di vivere in uno stato arretrato e reazionario. Per tutti si pensi a Francesco De Santis.

Al momento dell’unificazione gli italofoni su una popolazione di 25 milioni di abitanti erano mezzo milione. I nuovi governi unitari introdussero il biennio obbligatorio della scuola elementare.

Tra i vari schieramenti risorgimentali a prevalere fu il liberale-monarchico che diede la sua impronta a tutto il processo unitario. Forse le cose sarebbero andate meglio se a vincere fossero stati Mazzini, Pisacane e Cattaneo. La storia, comunque, non si fa né con i se nè con i ma.

 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. storia risorgimento

permalink | inviato da fino12 il 1/9/2009 alle 15:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sentimenti
31 agosto 2009
Figaro qua, Figaro là

Ai bambini i capelli venivano tagliati su una sedia a forma di cavallino, gli adulti che aspettavano il loro turni giocavano a dama, leggevano  il giornale o chiacchieravano del più e del meno.

Questo era il volto delle sale da barba di tanti centri della Sicilia e delle penisola, sia nelle città che nei remoti paesi.

Il figaro, nel suo lavoro, era un artista. La barba era un rito. La saponata si posava sul viso compatta, soffice e poi la mano esperta maneggiava l’affilato rasoio con precisione e maestria.

I saloni dei barbieri erano dei microcosmi dove la realtà veniva deformata e ricreata.  I politici venivano mandati a quel paese, delle donne venivano messi in evidenza pregi, difetti e infedeltà coniugali.

Durante le festività natalizie le sale da barba avevano un fascino particolare. Si lasciava la mancia al “ragazzo spazzola” (l’apprendista che, a lavoro finito, spazzolava i clienti) e si riceveva il calendario. Per noi ragazzi in questi calendari c’erano scene da film di Maciste o di Ercole, per gli adulti bellezze in costume da bagno. Da questi sprigionava un profumo inebriante.

Quel profumo era la metafora di una società che da rurale stava diventando industriale e che cominciava a conoscere fette di benessere.

Adesso tutto questo non c’è più.  I saloni sono unisex. Barbe non se ne fanno più. Il progresso vuole sempre nuove vittime. Si va avanti senza memoria.

 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. passato barbiere

permalink | inviato da fino12 il 31/8/2009 alle 7:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
VIAGGI
30 agosto 2009
Praga: città per innamorati?
Una rivista di viaggi ha messo Praga tra le città per gli innamorati.

”Questa mammina ha gli artigli” (Franz Kafka). “Non andarci se cerchi una felicità senza nuvole” (Angelo Maria Ripellino).

Basterebbero queste due citazioni per riflettere gli innamorati in partenza per Praga.

Nessuna paura. Queste sono citazioni letterarie. A togliere alla capitale ceca l’alone romantico non è la letteratura bensì un turismo di massa disordinato e caciarone.

Come godersi l’atmosfera del Ponte di Carlo circondati da centinaia di persone, alcune delle quali sono dei borseggiatori?

Non sono l’estate, né Natale e Pasqua i periodi per visitare questa città. Se proprio non si hanno alternative, gli angoli romantici senza folla non mancano. Al Castello c’è il quartiere del Nuovo Mondo quasi sempre deserto. Stradine piene di fascino dove Merynk ambientò alcune parti del romanzo La notte di Valpurga. Ai tempi dell’impero asburgico ci abitava il proletariato, oggi ci vivono artisti e designer.

Sulla collina di Petrín c’è la statua di Karel Hynek Macha, il più grande poeta romantico ceco. Il Primo maggio gli innamorati vengono a baciarsi davanti alla statua. Da lì poi si può proseguire per il Castello passando per il convento di Strahov.

Franco Marcoaldi consiglia di farsi accompagnare per le vie di Praga da Bohumil Hrabal, uno dei più grandi scrittori dello scorso secolo. Giusta la scelta, però Marcoaldi cade nell’ovvio quando consiglia la birreria Alla tigre d’oro. Era la birreria preferita dallo scrittore, però difficilmente troverete un posto a sedere.

Hrabal significa anche birra e allora una meta insolita: Liben, il quartiere dove viveva questo grande artista. Non è in centro, non ci sono monumenti celebri, però si ha la possibilità di vedere un pezzo autentico di Praga.

Ci si arriva con la metro linea gialla e si scende a Palmovka. Là vicino c’è la casa dove abitò Hrabal e tante birrerie popolari dove si mangia e si beve con poco.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. viaggi praga

permalink | inviato da fino12 il 30/8/2009 alle 5:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
DIARI
29 agosto 2009
Mi presento

Buon giorno,
esordisco adesso in questa piattafoma. Saluto tutti i blogger con cui spero d'avere un contatto fecondo.
Nel mio blog scriverò di letteratura, libri, viaggi, città, scuola e qualche volta di politica.
Spero di trovarmi bene e di fare un lungo viaggio insieme  a voi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. diario

permalink | inviato da fino12 il 29/8/2009 alle 8:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte