.
Annunci online

fino12

sentimenti
31 agosto 2009
Figaro qua, Figaro là

Ai bambini i capelli venivano tagliati su una sedia a forma di cavallino, gli adulti che aspettavano il loro turni giocavano a dama, leggevano  il giornale o chiacchieravano del più e del meno.

Questo era il volto delle sale da barba di tanti centri della Sicilia e delle penisola, sia nelle città che nei remoti paesi.

Il figaro, nel suo lavoro, era un artista. La barba era un rito. La saponata si posava sul viso compatta, soffice e poi la mano esperta maneggiava l’affilato rasoio con precisione e maestria.

I saloni dei barbieri erano dei microcosmi dove la realtà veniva deformata e ricreata.  I politici venivano mandati a quel paese, delle donne venivano messi in evidenza pregi, difetti e infedeltà coniugali.

Durante le festività natalizie le sale da barba avevano un fascino particolare. Si lasciava la mancia al “ragazzo spazzola” (l’apprendista che, a lavoro finito, spazzolava i clienti) e si riceveva il calendario. Per noi ragazzi in questi calendari c’erano scene da film di Maciste o di Ercole, per gli adulti bellezze in costume da bagno. Da questi sprigionava un profumo inebriante.

Quel profumo era la metafora di una società che da rurale stava diventando industriale e che cominciava a conoscere fette di benessere.

Adesso tutto questo non c’è più.  I saloni sono unisex. Barbe non se ne fanno più. Il progresso vuole sempre nuove vittime. Si va avanti senza memoria.

 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. passato barbiere

permalink | inviato da fino12 il 31/8/2009 alle 7:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte